fbpx

Ortoressia

 

Ortoressia è il termine coniato 20 anni fa che è ultimamente tornato alla ribalta e che, sempre più spesso, anima accesi dibattiti sul cibo e il modo di nutrirsi.

Mi sento presa in causa perché il significato di questo termine è OSSESIONE DEL MANGIAR SANO.

L’ortoressico è quindi la persona che sceglie accuratamente cosa mettere nel piatto perché ha capito che la qualità della sua vita (e non solo della salute fisica) passa da ciò che mangia, digerisce e assimila.

L’ortoressico non mangia cadaveri e neppure i derivati animali.

Sceglie la frutta e la verdura e decide di evitare l’ingestione di pesticidi, erbicidi e anticrittogamici.

Vuole sostanzialmente, attraverso cibo sano, biodinamico e vegetale costruire la propria salute psichica, fisica e mentale.

Non mangia volentieri al ristorante perché si fida solo della sua cucina e trascorre tempo a leggere le etichette per documentarsi sull’origine e la qualità dei cibi.

L’ortoressico è un MALATO DI SALUTE.

Gli occhi di molti specialisti della medicina allopatica sono puntati sull’ortoressico. Desta particolare attenzione perché all’ossessione del cibo, a volte, si accompagna, l’ossessione per la forma fisica.

Certo è che tra la patologia psichiatrica e l’attenzione a costruirsi uno stato di benessere ottimale attraverso il cibo e il movimento c’è un abisso!

yoga

Per sapere se ti trovi in zona benessere o in zona malattia, ti propongo un test.

Il test di Bratman, messo a punto da un medico statunitense, si compone di dieci domande, alle quali puoi rispondere SI o NO. 

1. Pensi alla tua dieta più di tre ore al giorno?

2. Pianifichi i pasti con diversi giorni di anticipo?

3. Il valore nutrizionale di ciò che mangi è più importante del piacere di mangiare?

4. La qualità della tua vita è diminuita parallelamente al miglioramento della qualità della tua alimentazione?

5. Ultimamente sei diventato più rigido con te stesso?

6. Mangiare in modo sano aumenta la tua autostima?

7. Hai eliminato cibi che ti piacevano per mangiare quelli salutari?

8. La tua dieta ti rende difficile mangiare fuori casa?

9. Ti senti in colpa quando non mangi in modo corretto?

10. Ti senti in pace con te stesso e in pieno controllo quando mangi in modo corretto?

I punteggi:

Fino a 3 sì: hai un normale rapporto con il cibo.

Da 4 a 8 sì: sei predisposta/o all’ortoressia.

Da 9 a 10 sì: sei predisposta/o a una grave forma di ortoressia.

Se vuoi approfondire con me questo tema per sapere se il tuo livello di attenzione al cibo è adeguato al tuo obiettivo di benessere, chiamami!

Sarei ben lieta di offrirti un colloquio di approfondimento.

8 pensieri su “Ortoressia

  1. Elisabetta Caterina Fontana dice:

    Quest’articolo è interessantissimo ma devo dire che seguendo i corsi di Lara sullalimentazione non si rischia di diventare ortoressici ma piuttosto di capire come alimentarsi e prendersi cura del proprio corpo nel modo più naturale, genuino e corretto che si possa fare.

    • Lara Bernini dice:

      Grazie Betty, il mio intento è quello di offrire sempre nuovi stimoli perciò al prossimo Corso di alimentazione parlerò di menù molecolari e di mindful eating. A presto!

  2. Licia Romano dice:

    Cara Lara Karenina, fai benissimo a cercare di convincere le persone perché evitino (come dico io) di vivere come malati per poi morire sani. Non sapevo che si potesse esprimere questo concetto più rapidamente dicendo “evitino l’ortoressia”. Anch’io desidero avere una alimentazione corretta, equilibrata, sana, ma non sonoossessionato da questa preoccupazione. Leggo molto, ma alle etichette dei prodotti dedico solo lo stretto tempo necessario, il resto lo dedico a libri di storia, a grandi romanzi come Anna Karenina o La coscienza di Zeno, a saggi sulla linguistica o sull’epistemologia. Non credo di avere bisogno, almeno per adesso, di un tuo aiuto, ma apprezzo quello che stai facendo. Avendo la fortuna di vederti quesi ogni giorno posso semmai dirti che, secondo me, le immagini che compaiono sul tuo sito non ti rendono giustizia, dal vero sei molto più simpatica e, perché no, affascinante.

    • Lara Bernini dice:

      Quando la mente ascolta le esigenze del corpo e le soddisfa non si ha bisogno d’altro. E, giustamente, si ha il tempo da dedicare ai propri diletti.
      Ma se qualche curiosità in campo alimentare ti sopravvenisse in futuro… io ci sarò!

      Viva la simpatia e lo charme 😉

  3. Cris dice:

    Buongiorno Lara,
    Come sempre ci fai riflettere su temi attuali attraverso la tua infinita conoscenza e continuo approfondimento sul tema “salute” legato al ns stile di vita… per un attimo, dopo aver letto il tuo post, ho temuto di essere ortoressica inconsapevole 😂 … a parte la battuta grazie per stimolarci a confrontarsi con noi stessi rispetto a questi temi, aspetto la prox …. bacio grande, sei la numero UNO! 😘😉

    • Lara Bernini dice:

      Grazie Cristina, lo scopo della mia attività di formatrice è proprio quello che hai evidenziato. Sviluppare coscienze critiche, autonome e indipendenti per poter fare scelte alimentari e di vita consapevoli è la mia mission!

  4. Brivio Vanna dice:

    Domenica 7 aprile ci sarò anch’io per approfondire questo tema molto interessante e importante per vivere meglio e in salute . Grazie Lara

    • Lara Bernini dice:

      Grazie della partecipazione, Vanna. Persone sempre attente alla propria salute come te, che amano informarsi e mettere in pratica i miei suggerimenti, sono sulla strada giusta per mantenersi in forma il più a lungo possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *